itT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

Il Cimitero francese di Roma a Monte Mario

Il Cimitero francese di Roma ricorda la guerra di chi ha costruito la pace

Il Cimitero francese di Roma sorge lungo la trafficatissima Via della Camilluccia che collega Monte Mario all’area della Farnesina. Il terreno per edificarlo fu concesso con regio decreto nel 1945 da De Gasperi, allora ancora Presidente del Consiglio dei Ministri del Regno d’Italia. Un omaggio del Governo italiano alle truppe francesi che combatterono con quelle italiane contro l’occupazione nazifascista.

Un luogo tranquillo e silenzioso nonostante il caos della città

Di circa 7mila soldati d’oltralpe che caddero in questa fase della guerra, alcune salme sono tornate in patria. Dei 1888 soldati sepolti oggi nel cimitero francese di Roma, 1142 sono musulmani, riconoscibili dalla mezzaluna islamica incisa su ogni lapide. Quindi, oltre ai francesi, ci sono tanti marocchini, tunisini ed algerini appartenenti a quell’esercito. I soldati marocchini impiegati dai francesi tra il 1908 e il 1956 furono chiamati “Goumiers”. Il loro passaggio in Italia comportò un numero elevato di crimini: omicidi, saccheggi e oltre 7mila stupri, ricordati poi come le cosiddette “marocchinate”, immortalate nel capolavoro di De Sica “La ciociara”.

La fine dell’occupazione e la visita di Papa Francesco del 2 novembre 2021

Dopo lo sbarco degli Alleati ad Anzio nel gennaio 1944, queste truppe collaborarono a risolvere il blocco di Monte Cassino. A maggio i carri armati francesi obbligarono i tedeschi alla resa. Quindi l’offensiva alleata continuò ad avanzare, e il cinque giugno i generali Clark, inglese, e Juin, francese, entrarono a Roma. L’eco storico di tanta violenza cerca nell’atmosfera verde del cimitero di essere attutita, anche se oggi l’Europa è di nuovo scossa da una guerra drammatica. Nel 2021, nel Cimitero militare francese si è svolta la Messa per la Commemorazione dei defunti celebrata dal Pontefice. Dopo essersi raccolto in preghiera presso una tomba anonima, nel corso dell’omelia ha svolto una serie di riflessioni sull’anonimato di alcune lapidi. “Inconnu. Mort pour la France. 1944” ha detto il Santo Padre “alcune [tombe] hanno il nome, poche altre no. Ma queste tombe sono un messaggio di pace: ‘Fermatevi, fratelli e sorelle, fermatevi! Fermatevi, fabbricatori di armi, fermatevi!’”. L’appello del Papa risuona oggi, a un anno da quella visita, di rinnovata tragicità.

Il cimitero di guerra parla a tutti gli uomini, senza divisioni

Questo luogo è relativamente poco conosciuto dai romani, ma è altamente simbolico per la Francia. In passato ha già ospitato le commemorazioni dell’11 novembre anche se ricordano la fine bob della Seconda ma della Prima guerra mondiale. Nel rispetto della memoria storica delle singole guerre, e degli episodi di ognuna, i cimiteri di guerra dovrebbero rappresentare per tutti invocazione alla pace. La quiete, il silenzio, il verde curatissimo sono lì per aiutare la concentrazione e il pensiero di chi li visita. Riflettere sulla morte, sulla violenza, sulla separazione tra stati, popoli e connazionali dovrebbe aiutare a far capire il valore e la fragilità della vita. Il contatto con la natura dovrebbe essere propositivo per il pensiero sulla natura dell’uomo. Per concludere con papa Francesco, nella stessa occasione citata ha ricordato ciò che aveva letto in un cimitero del Nord Italia. “Tu che passi pensa ai tuoi passi e dei tuoi passi pensa all’ultimo passo”.

Con il Blog di Roma e del Lazio, Around Rome vi guida alla scoperta dei territori per il piacere di soddisfare curiosità e mettere la cultura al servizio di persone e imprese.

visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo Andrea Franchini | foto Ezio Bocci

Centro storico di Artena
Artena e Lago di Giulianello uniti da una storia antica
5 Febbraio 2024
Tomba di Vittorio Gassmann
Cimitero del Verano: l’ultimo palcoscenico
19 Gennaio 2024
Veduta del Castello di Bracciano
Il Castello di Bracciano tra storia e arte sempre in nobili mani
12 Gennaio 2024

Lasciati aiutare!

Se hai bisogno di aiuto, non esitare a contattarci.
Ti risponderemo rapidamente e, se hai fretta, chiamaci subito.

T: (+39) 06 9422062

info@aroundrome.it

Link utili

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi