itenT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

I mosaici dello Stadio Olimpico

Un’immensa opera policroma

Non tutti fanno caso alla immensa opera, i mosaici dello Stadio Olimpico, che stanno calpestando incamminandosi verso lo Stadio Olimpico di Roma. Magari avvolti nei colori giallorossi o biancazzurri secondo il turno domenicale.

La pavimentazione in marmi policromi del viale che conduce dall’obelisco verso lo stadio fu realizzata nel 1933 e venne commissionata alla Scuola Mosaicisti. Insieme alla realizzazione delle decorazioni dei vari edifici e spazi aperti del Foro.

Con la supervisione del direttore della Scuola, Antonio Baldini e il lavoro progettuale e sinergico dell’architetto Luigi Moretti. E ancora, le opere del progettista Del Bebbio e degli artisti Angelo Canevari, Giulio Rosso, Gino Severini e Achille Capizzano.

L’area copre oltre 3000 mq di mosaico del Viale dell’Obelisco e 900 mq del Piazzale della Fontana della Sfera (“la palla” per i romani). Vennero eseguiti a Spilimbergo, ma l’intervento della Scuola fu su un’area decorativa complessiva di 10.000 mq (non solo esterna, ma anche nella Piscina Olimpica).

Una sintesi estetica di regime

Una antologia di simboli decorativi sacri alla storia di Roma e alla vita fascista, una sintesi della politica e dell’estetica di regime, tutta eroismo e retorica classicista. Le tessere usate furono le stesse che ricalcavano lo stile dell’antica Roma: 7.500 per ricoprire un solo metro quadrato di superficie.

Minuscole tesserine bianche e nere che formano slogan tipo “Duce, la nostra giovinezza a voi la dedichiamo” o il più noto “molti nemici, molto onore”. Decine di immagini belligeranti, guerresche, agonistiche e sparsi qua e là animali marini, leoni e gazzelle a ricordare l’esotismo delle conquiste africane dell’Impero.

Le rappresentazioni dei vari sport sono belle e armoniche, i corpi degli atleti hanno una plasticità “sironiana”, elementari e potenti. Ruotando intorno la Fontana della Sfera nel tappeto musivo si incontrano giavellottisti e pugili a riposo, tuffatori e nuotatori, ostacolisti e sollevatori di pesi ed anche giocatori di hockey e fantini su cavalli monumentali.

Purtroppo il passaggio di centinaia di tifosi che accedono allo Stadio e la pioggia e il vento e il tempo che passa sbriciolano anche i corpi più atletici. I mosaici dello Stadio Olimpico avrebbero bisogno di un buon restauro.

Con il Blog di Roma e del Lazio, Around Rome vi guida alla scoperta dei territori per il piacere di soddisfare curiosità e mettere la cultura al servizio di persone e imprese.

visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo e foto Ezio Bocci

Centro storico di Artena
Artena e Lago di Giulianello uniti da una storia antica
5 Febbraio 2024
Tomba di Vittorio Gassmann
Cimitero del Verano: l’ultimo palcoscenico
19 Gennaio 2024
Veduta del Castello di Bracciano
Il Castello di Bracciano tra storia e arte sempre in nobili mani
12 Gennaio 2024

Lasciati aiutare!

Se hai bisogno di aiuto, non esitare a contattarci.
Ti risponderemo rapidamente e, se hai fretta, chiamaci subito.

T: (+39) 06 9422062

info@aroundrome.it

Link utili

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi