itT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

Villa Sciarra: ricca di storia patria, statue lombarde e zampilli

Se tutte le ville romane sono spesso molto suggestive, Villa Sciarra è senz’altro tra le più affascinanti. Basterebbe il solo luogo dove sorge a scrivere un romanzo storico emozionante. Prima dell’epoca romana ospitò un santuario dedicato alla dea Furrina, legata al culto dell’acqua.

Più tardi vi si piantarono i famosi “Horti di Cesare” dove questi, secondo leggenda, ospitò Cleopatra e il loro figlio Cesarione dopo la conquista dell’Egitto.

Costruita in epoca antecedente l’antica Roma, oggi è una rilassante meta romana d’eccellenza

Il primo casino fu costruito da monsignor Malvasia nel 1575, la famiglia Barberini l’acquistò a metà del ‘600, poi la rivendette e la riacquistò di nuovo. Appartenne quindi a Cornelia Costanza Barberini, moglie di Giulio Cesare Colonna di Sciarra, sotto la cui proprietà la villa fu variamente arricchita.

Durante la Repubblica Romana fu molto danneggiata dagli scontri tra le truppe di Garibaldi e quelle francesi di Oudinot. Dopo restauri e passaggi di mano, gli ultimi proprietari, una coppia di americani, la adornò di statue dal Palazzo Visconti di Brignano Gera D’Adda.

Tante opere d’arte dove godere rilassanti passeggiate

Rimasta vedova, la proprietaria donò la villa a Mussolini con la condizione che fosse destinata a parco pubblico; una targa di marmo ricorda questo episodio. Dalla citata residenza lombarda arrivò la Fontana dei Satiri nella quale sopra una grande conchiglia un putto esce dalle fauci un serpente, simbolo visconteo. La Fontana di Diana ed Endimione, invece, mostra un gruppo scultoreo con la dea della caccia, il celebre pastore e il loro fedele cane. Altre fontane notevoli sono quella delle Sfingi, nella quale quattro sfingi rappresentano le passioni umane o i vizi, e la Fontana dei Putti. Siamo in un ambiente dove anche la cura della vegetazione si fa arte, è il caso dell’Esedra

Arborea, un angolo di villa molto scenografico. Una siepe di lauro a forma di semicerchio (esedra) nelle cui nicchie sono state collocate dodici statue in arenaria, una per ogni mese dell’anno. Proprio di fronte a queste, troviamo siepi di bosso potate artisticamente nella raffinata tecnica dell’arte topiaria; potature geometriche esprimenti forme diverse da quelle naturali.

Tante attrazioni, prima tra tutte l’atmosfera

Una villa urbana come questa la si conosce perdendocisi dentro. Quel “perdersi a Roma” che qui ha per scenario il verde curatissimo e per emozione la continua scoperta di meraviglie. Come la grande uccelliera in ferro battuto, progettata per accogliere gli aironi bianchi. O il terrazzo del Casino Barberini, sede dell’Istituto italiano di studi germanici, dalla cui torretta si gode il panorama cittadino fino ai Colli Albani.

Alle spalle del Casino si erge la cosiddetta montagnola. Veramente caratteristico è il chioschetto dei glicini che si trova proprio in cima alla montagnola, vicino a un tempietto di forma circolare con una cupola in ferro battuto. Nelle vicinanze presso l’ingresso della villa, il villino detto “il Castelletto” è sede del Museo della matematica. Anche le istituzioni culturali quindi si nutrono di tanta bellezza. Villa Sciarra è un’oasi di pace vicina al centro di Roma, un luogo di relax attivo e una visita sicuramente indimenticabile.

Con il Blog di Roma e del Lazio, Around Rome vi guida alla scoperta dei territori per il piacere di soddisfare curiosità e mettere la cultura al servizio di persone e imprese.

visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo Andrea Franchini | foto Ezio Bocci

Angolo del quadriportico verso la facciata
La Basilica di San Clemente tra storia e archeologia
15 Maggio 2024
Il borgo di Celleno
Il borgo fantasma di Celleno: un viaggio nel tempo tra storia e mistero
7 Maggio 2024
Nel Lazio le fave a primavera sono un prodotto fresco a km 0. Qui Mirko fa da testimonial del prodotto.
Le fave nella storia, nella cultura e nella cucina romana e del Lazio
17 Aprile 2024

Lasciati aiutare!

Se hai bisogno di aiuto, non esitare a contattarci.
Ti risponderemo rapidamente e, se hai fretta, chiamaci subito.

T: (+39) 06 9422062

info@aroundrome.it

Link utili

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi