itT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

Gianicolo: dall’ottavo colle di Roma il più bel panorama sulla Capitale

Luogo di importanza storica fin dall’antichità, oggi è una meta turistica immancabile

Il Gianicolo, che sovrasta la riva destra del Tevere da 88 metri d’altezza, non rientra nei sette colli capitolini situati alla sinistra del fiume. Nella sua storia antica ha sempre svolto una funzione difensiva del territorio e fu annesso a Roma da Anco Marzio attraverso il Ponte Sublicio. Il ponte sul quale doveva passare la strada che portava in Etruria, la futura Via Aurelia. Il colle, situato tra i popolari quartieri di Trastevere e Monteverde, non ha mai avuto una vera vocazione abitativa.

Nel 1849 fu di importanza strategica nell’eroica difesa della breve Repubblica Romana contro i francesi chiamati da Pio IX a riconquistare Roma. Dopo l’Unità d’Italia divenne quindi un grande parco pubblico e una sorta di memoriale del Risorgimento. Dalla sua Passeggiata si gode uno dei panorami più incantevoli del centro storico di Roma. Per molti una veduta migliore di quelle del Pincio e di Monte Mario.

Romantico, suggestivo ma soprattutto molto piacevolmente turistico

L’attuale vocazione del Gianicolo è senz’altro quella di meta turistica anche da parte degli stessi romani che non finiscono di stupirsi di ciò. Da Porta San Pancrazio, oggi Museo della Repubblica romana, ai monumenti equestri di Giuseppe e Anita Garibaldi (giacente nel basamento) le attrazioni sono tante. Il Faro del Gianicolo, detto anche Faro di Roma o Faro degli Italiani d’Argentina, fu donato da questi ultimi nel 1911 in funzione commemorativa. Se nella vostra visita si è fatto mezzogiorno non spaventatevi del botto a salve del celebre Cannone udibile in tutto il centro di Roma.

L’uso fu introdotto da papa Pio IX nel 1847, per far suonare ordinatamente insieme le campane delle chiese di Roma. Anche le ville dell’area meritano una citazione e una visita: su tutte Villa Lante e Villa Barberini, vestigia artistiche del potere delle famiglie romane. Così come non si può non ricordare la Fontana dell’Acqua Paola, più popolarmente nota come “Il Fontanone” ed il Tempietto di San Pietro in Montorio, detto anche Tempietto del Bramante, una piccola costruzione a pianta circolare posta al centro di uno dei cortili del convento di San Pietro in Montorio a Roma,.

Per unire l’utile al dilettevole anche la cultura enogastronomica richiede attenzione

L’espansione urbanistica della città, di cui anticamente il Gianicolo non faceva parte, ha portato il colle a trovarsi in una posizione sempre più centrale. Quindi anche il carattere dei locali della ristorazione è cambiato profondamente elevando la qualità. Udito il cannone siamo quindi vicini all’ora di pranzo; non mancano in zona ristoranti di cucina tipica romana.

Tra i più celebri, uno attivo come osteria fin dal 1849, nel quale l’Eroe dei Due Mondi si rifocillava dopo le aspre battaglie locali. Chiamando amichevolmente l’oste dei tempi “Scarpone” a causa delle grosse scarpe piene di fango con le quali lavorava anche nei campi.

Con il Blog di Roma e del Lazio, Around Rome vi guida alla scoperta dei territori per il piacere di soddisfare curiosità e mettere la cultura al servizio di persone e imprese.
visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo Andrea Franchini | foto Ezio Bocci
We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi