itT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

L’Abbazia di Sant’Andrea in flumine

Se Roma è ricca di testimonianze del  passato dei Cesari, il Lazio conserva tracce medievali che si mostrano improvvise e inaspettate come l’Abbazia di Sant’Andrea in flumine (in fiume). L’Abbazia è posta alla base del Monte Sant’Angelo di Ponzano, una collina ai piedi del Monte Soratte. Il Soratte è una mitica altura che si erge solitaria a pochi chilometri da Roma e che tanto ha rappresentato nella evoluzione storica dell’area.

L’abbazia domina una vasta ansa del fiume Tevere aprendosi ad un panorama bucolico con la scenografica catena degli Appennini.

L’Abbazia di Sant’Andrea in flumine fu edificata su una preesistenza di epoca romana, come mostrano i resti delle strutture murarie in opus reticolarum e i pavimenti a mosaico. Nell’VIII secolo quindi i benedettini avviarono un’opera di rinnovo del territorio agricolo. Valorizzandolo e rendendolo un punto di riferimento produttivo, agevolato dalla presenza dell’allora importante scalo fluviale sul Tevere.

La fondazione del monastero

La fondazione si fa risalire al V secolo per volontà della nobile Galla, moglie (o figlia) di Simmaco, consigliere di Teodorico. Così come raccontato sulle pagine del Chronicon di Benedetto, un monaco della comunità di San Silvestro al Soratte.

Il monastero è citato per la prima vota in epoca carolingia, quando papa Paolo I lo donava a re Pipino il Breve (762). Di nuovo nel 1074 quando il complesso divenne proprietà del monastero di San Paolo fuori le mura, sotto la cui giurisdizione rimase fino al XV secolo.

Passando di proprietà in proprietà visse anni di inarrestabile decadenza fino alla conversione in fattoria tra Settecento e Ottocento. Solo nel 1959 ebbe un primo restauro che salvò in parte le antiche strutture. Deliziosa è la chiesa (consacrata) caratterizzata da un insolito esempio di jubé (pontile-tramezzo). Un elemento architettonico su tre archi con funzione di pulpito e posto a divisione tra il presbiterio e la zona riservata ai fedeli. In bella mostra si fanno ammirare gli splendidi mosaici cosmateschi ed il raffinato ciborio firmato da Nicola e Giovanni Guittone. Mentre al XV secolo risale la decorazione pittorica con la Resurrezione nel catino absidale e la Crocifissione nell’arco trionfale.

Oggi l’Abbazia di Sant’Andrea in flumine è una location per eventi e cerimonie unica. Perfetta sia per chi vuole celebrare il matrimonio religioso nell’incantevole chiesa, sia per chi sceglie il rito civile. Eventi da tenersi nei saloni o nei giardini del complesso sia per la organizzazione di meeting aziendali, convegni e congressi.

Un tuffo in atmosfere antiche, per vivere emozioni irripetibili. Tra scorci panoramici mozzafiato e vestigia di un passato che sa raccontare storie e suggestioni dal fascino unico.

visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo e foto Ezio Bocci

 

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi