itT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

Alla ricerca della magia nascosta di Piazza Vittorio

Piazza Vittorio è il nome popolare di una grande piazza al centro di Roma. Se chiedete più formalmente a un romano, posto che se ne trovino ancora, dov’è Piazza Vittorio Emanuele II forse non saprà rispondervi. Ma “Piazza Vittorio”, più grande e più vissuta nel quotidiano di Piazza San Pietro, la conoscono tutti. Almeno quelli da una certa età in su, soprattutto per il noto mercato all’aperto, nato spontaneamente alla fine dell’Ottocento e tramontato definitivamente nei primi anni Novanta del secolo scorso con l’apertura del Nuovo Mercato Esquilino.

Da De Sica a quartiere multietnico

Una prima forma di magia da raccontare qui era questa, con l’attrattività di prezzi molto bassi, personaggi popolari rimasti nella memoria e la nota citazione nel film “Ladri di biciclette” di Vittorio De Sica. Il carattere commerciale si è trasformato profondamente: dal centro della piazza, all’aperto, al nuovo mercato chiuso e ai negozi sotto i portici e nelle vie adiacenti. Da romanesco popolare a orientale, mediorientale, africano e asiatico per la stragrande quantità di abitanti stranieri dell’Esquilino. Da cibo a chilometro zero, come si dice oggi – soprattutto polli, abbacchi, baccalà – a cibi, spezie, abiti e oggetti che raccontano usi e costumi diversi.

La pacifica convivenza quotidiana di tanti popoli diversi

Una seconda magia è quindi la convivenza di tanti popoli che rendono questo rione quasi un territorio straniero. Una fusione di genti capace anche di esprimere una multietnica formazione musicale di gran successo nella World Music. L’“Orchestra di Piazza Vittorio che quest’anno compie vent’anni e vanta oltre 1300 concerti in tutto il mondo, 5 dischi e oltre 100 musicisti passati nelle sue fila. Culture, storie, tradizioni: contaminazioni dinamiche e creative in grado di far dialogare popoli antagonisti di un’ampia parte della Terra. Se non è magia questa…

Le radici storiche di una magia ancora da svelare

Il terzo aspetto magico della Piazza è quello storico, attestato nei monumenti emblematici che sorgono al centro dei curatissimi, solo da pochi anni, giardini pubblici. L’urbanistica di stile piemontese dei primi anni di Roma capitale destina alla carreggiata stradale della piazza rettangolare il solo perimetro dei giardini centrali, a ridosso quindi dei palazzi umbertini che la delimitano. Quando fu edificato il nuovo quartiere, soprattutto dal prolifico architetto Gaetano Koch, i resti di una fontana romana del III secolo d.C. furono posti vicini alla cosiddetta “Porta Magica” o “Porta Alchemica”. Monumento edificato nella seconda metà del Seicento nella Villa Palombara preesistente alla piazza e demolita a favore di questa. Iscrizioni latine e simboli esoterici da secoli ne fanno oggetto di attrazione per gli studiosi del mistero.

visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo Andrea Franchini | foto Ezio Bocci

News

Servizi congressuali a Roma. Si rinizia
13 Maggio 2022
Testaccio, un rione ricco di passioni
9 Maggio 2022
Terracina: tra mare, archeologia, tavola e un nome misterioso
27 Aprile 2022

Lasciati aiutare!

Se hai bisogno di aiuto, non esitare a contattarci.
Ti risponderemo rapidamente e, se hai fretta, chiamaci subito.

T: (+39) 06 9422062

info@aroundrome.it

Link utili

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi