itT: +39 06 9422062 | M: +39 388 7617243
Virtual Tour

Isola Tiberina: una nave ormeggiata nel cuore di Roma

Isola Tiberina: un vero spartiacque tra il Ghetto e Trastevere

L’Isola Tiberina è l’unica isola fluviale del Tevere dentro la città. Sorge tra due ponti che la uniscono da una parte all’area del Ghetto (con Ponte Fabricio), dall’altra al rione Trastevere (con Ponte Cestio). Ponte Fabricio è detto anche Ponte dei Quattro Capi dal monumento in marmo che rappresenta le teste degli ingegneri fatte mozzare da papa Sisto V perché non si accordavano tra loro.

Il Tevere è la culla di Roma, sia come leggenda, con la lupa che salva i gemelli abbandonati alla corrente, sia come fatto storico. E anche l’Isola ha due storie da raccontare, partendo da quella reale che la descrive come guado naturale, di tufo come i vicini colli,

…e la leggenda invece che narra di un accumulo di fango formatosi sulle messi di Tarquinio il Superbo gettate nel Tevere dai Romani alla sua cacciata. La posizione centrale, ma defilata, rispetto alla vita della città ha reso l’Isola un luogo di ideale per la cura della salute. Anticamente ospitò il Tempio di Esculapio, dio della medicina, il cui serpente fu portato da Epidauro a Roma per sconfiggere la peste del 293 a.C.

Leggenda e storia si intrecciano nel tempo

Secondo la leggenda il rettile, saltando dalla nave, indicò il punto in cui fu poi costruito il tempio. Sulle rovine del quale, nel decimo secolo, papa Ottone III fece costruire la Chiesa di San Bartolomeo all’Isola. Una chiesa con interessanti testimonianze di fede e una storia di continui restauri nei secoli, dovuti ai danni provocati dalle piene del Tevere. All’interno, si trova un antico pozzo con un bassorilievo raffigurante i tre santi cui originariamente era dedicata: Bartolomeo, Adalberto e Paolino.

I romani credevano che l’acqua del pozzo fosse miracolosa, poiché conteneva le ossa dei martiri romani Esuperanzio e Marcello. Di fronte alla chiesa sorge l’ancora attivissimo Ospedale Fatebenefratelli fondato nel 1582 e rimodernato da Cesare Bazzani negli anni 1930/1934. Il nome ha origine dal ritornello di questua dei seguaci di S. Giovanni di Dio che lo costruirono. Dalla piazzetta d’ingresso una scala scende alla banchina che consente di fare a piedi il periplo dell’isola.

La passeggiata sulle rive rivela la metafora di “nave” dell’isola

Dalla forma dell’Isola, con la “prua” appuntita, e dall’uso antichissimo del Tevere come via di trasporto civile e commerciale nasce l’idea dell’isola come “nave”. La leggenda e il profilo dell’isola suggerirono la sistemazione del perimetro esterno in forma di nave da guerra. Con le arginature a terrapieno, un tempo attrezzate per gli ormeggi, e forse anche con la presenza di un obelisco come albero maestro.

La scoperta di tanti piccoli e grandi dettagli crea continuamente un senso di sorpresa in chi visita l’Isola Tiberina dedicandole un po’ di tempo. Una pausa utile per apprezzare la vista originale del fiume e le architetture circostanti, come i resti di Ponte Emilio, o Ponte Rotto, del 179 a.C. che fu il primo in muratura costruito a Roma. Una sosta per apprezzare anche l’aria più pulita rispetto al resto della città e, non ultima, la presenza di fauna avicola non può che consolidare il ricordo e il giudizio positivo sul luogo.

Con il Blog di Roma e del Lazio, Around Rome vi guida alla scoperta dei territori per il piacere di soddisfare curiosità e mettere la cultura al servizio di persone e imprese.
visualizza su Google Maps
A cura de il NETWORK | testo Andrea Franchini | foto Ezio Bocci

Centro storico di Artena
Artena e Lago di Giulianello uniti da una storia antica
5 Febbraio 2024
Tomba di Vittorio Gassmann
Cimitero del Verano: l’ultimo palcoscenico
19 Gennaio 2024
Veduta del Castello di Bracciano
Il Castello di Bracciano tra storia e arte sempre in nobili mani
12 Gennaio 2024

Lasciati aiutare!

Se hai bisogno di aiuto, non esitare a contattarci.
Ti risponderemo rapidamente e, se hai fretta, chiamaci subito.

T: (+39) 06 9422062

info@aroundrome.it

Link utili

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Privacy e Cookie Policy

Privacy e Cookie Policy

Prima di proseguire si prega di leggere l’informativa sul trattamento dei dati personali e le informazioni relative all’utilizzo dei Cookie.

Leggi